Home / Digital Marketing / eCommerce in Italia: solo il 5,6% degli acquisti

eCommerce in Italia: solo il 5,6% degli acquisti

ecommerce italia

Continua la crescita a doppia cifra dell’eCommerce in Italia: le proiezioni sul 2017 parlano di un valore degli acquisti online pari a 23,1 miliardi di euro con un incremento del 16% rispetto al 2016, pari a oltre 3,2 miliardi. Questi risultati però soddisfano relativamente se consideriamo la penetrazione dell’eCommerce sul totale acquisti Retail, che sale dal 5% al 5,6%.

A cosa destinano la spesa online gli italiani?

Se inizialmente il mercato eCommerce B2c era per lo più composto da servizi, quest’anno il valore tra prodotti e servizi è uguale, grazie a un tasso di crescita più elevato, (rispettivamente al +25% e +8%). Se stiliamo una classifica basata sul fatturato in termini assoluti, il primo comparto tra i servizi rimane il Turismo (oltre 9 miliardi di euro), seguito dalle Assicurazioni (poco più di 1 miliardo). Tra i prodotti primeggia ancora l’Informatica ed elettronica di Consumo (quasi 4 miliardi), seguita dall’Abbigliamento (circa 2 miliardi). Se però cerchiamo di guardare al futuro, i trend di crescita mostrano delle rising sta: la vera novità è rappresentata dal Food&Grocery, uno dei settori più dinamici con un +37% di fatturato, seguito dall’Arredamento e Home Living, con un +27%.

 È vero che gli italiani non acquistano da mobile?

Gli acquisti da dispositivi mobili (smartphone e tablet) valgono quasi un terzo dell’intero eCommerce: lo smartphone aumenta di oltre il 50% e supera i 5,3 miliardi di euro, mentre il tablet fa registrare una crescita inferiore (+9%) a quella media del mercato (+16%).

Cosa si può fare per spingere il comparto?

Parole d’ordine: innovazione e semplificazione. In primis, il cliente va aiutato, quindi occorre migliore l’esperienza online e/o integrare i canali online e fisico, utilizzare le nuove tecnologie, come il mobile payment, basti pensare al lancio dell’Apple Pay. In fase di pre-vendita, l’uso dell’intelligenza artificiale è stata utilizzata per proporre offerte e preventivi personalizzati oppure il ricorso alla realtà aumentata per provare virtualmente i prodotti prima dell’acquisto. In fase di post-vendita, invece, si punta sempre più sulla velocità di consegna, anche sperimentando l’utilizzo di robot e sulla flessibilità, proponendo servizi di consegna itineranti tramite geolocalizzazione dell’utente.

About Antonella Caliandro

Direttore Marketing di AdKaora, da sempre appassionata di digitale, lo sono diventata presto anche di mobile e di tutto quello che di innovativo può sconvolgere gli scenari.

Check Also

multichannel marketing

L’utente è sempre più multicanale, che significa?

Attraversiamo una fase di grande cambiamento, i consumatori entrano in contatto con diversi touchpoint e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *