Home / Digital Marketing / Google Chrome installerà un blocco per la pubblicità invadente?

Google Chrome installerà un blocco per la pubblicità invadente?

Google Chrome Blocco Pubblicità

Negli ultimi anni le inserzioni pubblicitarie sul web non hanno fatto che aumentare, diventando sempre più invadenti e occupando buona parte del nostro schermo. Ma dalla prima metà del 2018 tutto ciò potrebbe giungere al termine. Dal mese di aprile il gossip geek parla di un sistema di ad blocking installato direttamente su Google Chrome.

Ad blocker di Google

Le indiscrezioni sono state confermate dal gruppo di Mountain View: il progetto prevede l’unione di Chrome alla Coalition for Better Ads, ovvero un gruppo di aziende appartenenti al settore digitale online che hanno l’obiettivo di migliorare l’advertising mostrato durante la navigazione. Questo gruppo ha realizzato i Better Ads Standards, delle linee guida che stabiliscono dei limiti a ciò che i banner e gli spot pubblicitari possono fare, in riferimento a pop-up, video che si aprono automaticamente al caricamento di una pagina, immagini troppo grandi o offensive, pop-under, finestre intermedi, etc.

Questi requisiti sono applicabili sia alle piattaforme desktop sia a quelle mobile. Inoltre Google Chrome non mostrerà più inserzioni pubblicitarie sui siti web che non dimostreranno di rispettare quanto fissato dai Better Ads Standards. Per questa ragione la community di webmaster e chi gestisce i siti, se non vogliono vedere diminuire il proprio business relativo all’advertising online dovranno verificare che le proprie pagine siano conformi agli standard.

Google è la società che gestisce più pubblicità online di chiunque altro e ha preso questa decisione nonostante la maggior parte del proprio fatturato derivi dall’advertising online. Tra le ragioni che lo hanno portato a prendere questo provvedimento c’è la volontà di convincere gli utenti a non utilizzare altri strumenti a pagamento per bloccare le inserzioni pubblicitarie online. Questa iniziativa potrebbe avere un impatto potenzialmente elevato, dal momento che Chrome è il browser utilizzato da circa il 60% degli utenti globali e questa percentuale è destinata ad aumentare ulteriormente.

Cosa fare?

Quello che diciamo sempre: offrire un’ottima esperienza all’utente. La pubblicità esiste, la pubblicità è utile. Senza non verremmo mai a conoscenza di prodotti e servizi per noi interessanti. La questione è che non devono rovinare l’esperienza dell’utente ma arricchirla. Come i nostri formati video Scroll Break e WOW

About Antonella Caliandro

Direttore Marketing di AdKaora, da sempre appassionata di digitale, lo sono diventata presto anche di mobile e di tutto quello che di innovativo può sconvolgere gli scenari.

Check Also

multichannel marketing

L’utente è sempre più multicanale, che significa?

Attraversiamo una fase di grande cambiamento, i consumatori entrano in contatto con diversi touchpoint e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *