Home / Digital Marketing / Mobile: le novità del 2016

Mobile: le novità del 2016

novità mobile 2016

Quali saranno le novità del 2016 nel mondo mobile? Un settore che si muove con una velocità unica, senza precedenti. Basta una manciata di mesi, a volte anche meno, per notare cambiamenti importanti: piccole rivoluzioni quotidiane che modificano il modo di fruire i contenuti online.

Stiamo diventando Mobile First Consumer, la connessione web preferita è quella dello smartphone e le aziende pianificano delle content marketing strategy studiate intorno al mobile.

Ecco, questo è un punto importante: contenuti pensati per il mobile.

Non una semplice traduzione da desktop a mobile (quindi un uso più o meno attento del responsive design) ma uno sviluppo consapevole delle app: contenuti ed esperienze che coinvolgono l’utente. Ovvero in quell’appendice che riprende il concetto di ubiquitous computer e si posiziona al centro della dieta mediale di un individuo.

Creiamo la nostra esperienza, la nostra realtà attraverso le applicazioni dello smartphone. Ci sono app che hanno cambiato il mondo, altre che lo cambieranno. Ma quali sono le novità mobile del 2016? Ecco un’analisi focalizzata sul protagonista assoluto: l’utente.

Proximity Marketing

Il primo punto che troverà ampio spazio nel 2016: il proximity marketing declinato attraverso le applicazioni dello smartphone, per interagire con il mondo che circonda con lo scopo di promuovere la vendita di prodotti e servizi.

In questo blog abbiamo già citato Passbook come esempio di proximity marketing, ma nei negozi OVS puoi sfruttare l’app Click & Collect per avere informazioni in tempo reale. Una volta identificati i beacon all’interno del negozio, infatti, puoi ricevere tutte le informazioni sullo smartphone. Facilitando anche il lavoro del personale, almeno in linea teorica.

Da non ignorare il rapporto tra proximity marketing e la diffusione delle tecnologie werable, indossabili. Device che diventano un tutt’uno con l’individuo e che hanno bisogno di uno sviluppo diverso in termini di app.

Customer experience

Un altro trend interessante per il 2016: migliorare la customer experience attraverso il mobile. Prendiamo come esempio l’idea di innestare in uno store fisico delle mobile app per migliorare l’esperienza di vendita. Tra le novità del 2016 c’è Zara che ha lanciato un’idea interessante: lasciare degli iPad nei camerini per dialogare con i commessi.

Basterà passare l’etichetta sull’iPad per avere taglie e colori differenti nel camerino. Qualcosa di simile hanno proposto NordstromRalph Lauren grazie agli specchi interattivi che permettono al cliente di inviare richieste ai commessi, di conoscere le disponibilità di un capo in magazzino. Esaurito? Poco male, lo puoi acquistare online.

Appare sempre più evidente, quindi, l’intreccio tra ciò che avviene offline e online. Il punto vendita fisico è ancora indispensabile, ma per non perdere la vendita (non trovo il capo, me ne vado e non ritorno) arriva subito l’opzione online: compra dall’e-commerce.

Il tempo è tutto

Le ultime settimane del 2015 hanno definito il grande successo di Amazon Prime (3 milioni di nuovi iscritti), il servizio che permette di ricevere una serie di benefici a fronte di un abbonamento annuo di 19.99 euro. E cosa offre Amazon? Tempo. Riprendo dal sito ufficiale: Un numero illimitato di spedizioni gratuite con consegna in 1 giorno lavorativo su oltre un milione di articoli, verso la maggior parte dei comuni italiani”.  Senza dimenticare Prime Now:

Amazon Prime Now è il nuovo servizio riservato ai clienti iscritti ad Amazon Prime. Con Prime Now puoi effettuare ordini tramite l’app dedicata e riceverli in 1 ora al costo di 6,90€ per ordine o gratis in finestre di 2 ore a tua scelta, dalle 8 alle 24.

Certo, ci sono ancora dei limiti a questo servizio e non è disponibile ovunque. Ma la sfida per chi vuole sfruttare il mobile nel 2016 è questa: agevolare il bisogno di velocità, permettere alle persone di guadagnare tempo. E di ricevere informazioni, beni e servizi nel minor tempo possibile.

Video entertainment

L’importanza dei video nel settore mobile advertising era già chiara nel 2015, nel 2016 si prevede un ampio uso di questi contenuti. Ma non solo nel settore pubblicitario: mobile e video entertainment saranno sempre più uniti. I segnali che non puoi ignorare? Ci sono, ci sono…

distribuzione investimenti digital

Amazon lancia la piattaforma video con relativa app per acquistare serie TV, video e format studiati ad hoc. Netflix sbarca in Italia, aggiorna il catalogo e per il 2016 propone una programmazione degna di nota. Youtube Red offre video senza pubblicità e contenuti esclusivi per chi paga 9,99 dollari al mese.

Tutto questo senza dimenticare il mobile gaming, l’intrattenimento che nasce dalla spettacolarizzazione delle partite più importanti delle diverse piattaforme. Gli scontri tra i campioni diventano contenuti da vendere e trasmettere attraverso diversi device, soprattutto ora che si aprono le porte a tecnologie innovative come l’Oculus Rift che portano la realtà aumentata a uno step successivo.

Ma c’è ancora un’incognita tecnologica da sciogliere: la diffusione del 4G, indispensabile per migliorare la fruizione dei video dai dispositivi mobile. Lo sviluppo dei contenuti, in questo caso, è collegato all’innovazione e ai limiti della tecnologia.

Secondo te, invece?

Questi sono le principali novità che ci aspettano per il 2016: un mobile sempre più ponte tra il mondo online e quello offline, un elemento che diventa decisivo per qualsiasi esperienza. Tempo libero, lavoro, organizzazione della casa: le applicazioni diventano la chiave per trasformare il tuo smartphone in uno strumento capace di migliorare la tua vita.

Secondo te quali sono i punti indispensabili per il mobile nel 2016?

About riccardo.esposito

Sono un webwriter freelance, aiuto le aziende e gli imprenditori a comunicare online. Mi occupo di nuove tecnologie, social media, scrittura online. Il mio motto? Il mio regno per un post.

Check Also

multichannel marketing

L’utente è sempre più multicanale, che significa?

Attraversiamo una fase di grande cambiamento, i consumatori entrano in contatto con diversi touchpoint e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *